VALORIZZAZIONE TURISTICA DELL'AMBIENTE E DELLE RISORSE AGROALIMENTARI

AGR/01 - 9 CFU - 2° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

MARCELLA RIZZO
Email: rizzom@unict.it
Edificio / Indirizzo: Palazzo delle Scienze Corso Italia 55, 95129 Catania
Telefono: 095/7537951
Orario ricevimento: martedì e mercoledì, ore 12.00-13.30, Stanza 37/D – piano IV


Obiettivi formativi

1. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): il corso si propone di spiegare agli studenti le interazioni fra il sistema agroalimentare e il turismo, offrendo una chiave interdisciplinare di lettura del territorio con le sue produzioni agroalimentari, le risorse storico-culturali, sociali e ambientali, nonché le imprese e il sistema delle risorse materiali e immateriali. Tale approccio integrato è riconducibile al nuovo paradigma della multifunzionalità dell’agricoltura, sostenuto a livello europeo dalla politica di sviluppo rurale.
Il corso intende inoltre, introdurre gli studenti alla conoscenza e all’interpretazione della struttura e delle dinamiche del mercato dei prodotti agroalimentari, partendo dall’evoluzione degli stili e dei modelli di consumo alimentare, per indagare le reciprocità fra il patrimonio enogastronomico locale, regionale e nazionale, la tutela dei giacimenti ambientali (naturali, paesaggistici, culturali) e il fenomeno del turismo enogastronomico.

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding): gli studenti faranno esperienze applicative ed interpretative attraverso la presentazione e l’elaborazione di relazioni e lavori di gruppo su casi studio reali, per conseguire la capacità di applicare le conoscenze acquisite alla comprensione della reale importanza di un processo di riscoperta del territorio, dove le produzioni enogastronomiche diventano portatrici di identità e relazioni sociali che a loro volta influenzano nuove tipologie di turismo.

3. Autonomia di giudizio (making judgements): lo studente dovrà sviluppare autonomia di giudizio e capacità di collegamento tra gli argomenti teorici e la loro applicazione nell’analisi dei casi concreti. L'acquisizione di capacità critiche sarà stimolata anche attraverso la partecipazione a discussioni in aula e sviluppo di lavori di gruppo.

4. Abilità comunicative (communication skills): lo studente dovrà acquisire l’uso di un linguaggio tecnico ed economico appropriato che possa essere un valido strumento per comunicare ad altri le conoscenze raggiunte e che possa essere un valore aggiunto nell’inserimento nel mondo del lavoro. Lo sviluppo di abilità comunicative sarà anche stimolato attraverso la presentazione in aula di lavori di gruppo.

5. Capacità di apprendimento (learning skills): il processo di apprendimento sarà graduale e coerente con le tematiche disciplinari e con gli obiettivi formativi individuati. Sarà monitorato dal docente, durante il periodo di svolgimento del corso, anche stimolando la partecipazione alla discussione su temi attuali e l’approfondimento di argomenti attraverso l’analisi di casi pratici.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Le attività didattiche vengono svolte attraverso lezioni frontali in cui si alternano momenti di concettualizzazione e applicazione concreta anche attraverso testimonianze in aula da parte di soggetti operanti sul territorio. Allo studente è richiesto lo svolgimento di elaborati individuali e di gruppo sulle tematiche affrontate nel corso, propedeutiche alle prove di valutazione. Tutte le lezioni vengono svolte con l'ausilio di presentazioni in ppt.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

Nessuno



Frequenza lezioni

La frequenza al Corso è fortemente consigliata per un migliore e più efficace apprendimento delle tematiche affrontate.



Contenuti del corso

Oggetto del corso è lo studio del sistema agroalimentare, delle sue dinamiche e delle politiche poste in essere a livello europeo e nazionale, in relazione alle sfide che la rapida evoluzione dei contesti socio-economici e produttivi richiede per favorire lo sviluppo sostenibile del territorio e la competitività del settore turistico in ambito agroalimentare.
Il corso, articolato in tre parti, propone di fornire agli studenti gli strumenti per comprendere i principali temi della disciplina: sistema agroalimentare, paesaggio e ambiente ed enogastronomia, risorse essenziali nel quadro della valorizzazione turistica del territorio.

Prima parte - Il mercato e il sistema agroalimentare: principali caratteristiche che contraddistinguono il sistema agroalimentare, evoluzioni e relative motivazioni che stanno alla base dei cambiamenti del modo di produrre, trasformare, commercializzare e consumare i prodotti agricoli e alimentari. Il valore dell'agroalimentare, le funzioni dell'agricoltura, le filiere agroalimentari, le filiere corte, la rintracciabilità.

Seconda parte - Agricoltura, sostenibilità ambientale e valori sociali: la sostenibilità del settore agricolo e alimentare, ambiente e multifunzionalità (tutela delle risorse naturali e del paesaggio, aree protette e Natura 2000, agricoltura sostenibile e servizi connessi, agricoltura biologica, agro-energie, agricoltura sociale). Il ruolo dell’agricoltura nelle aree rurali, territorio rurale e sviluppo sostenibile, il turismo nelle aree protette, l'azione Leader per il turismo, agriturismo e turismo rurale.

Terza parte - Produzioni agroalimentari di qualità e turismo enogastronomico: principali approcci teorico - economici in materia di qualità alimentare, la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici, la mobilizzazione delle risorse locali, la qualificazione e la commercializzazione dei prodotti tipici, l'integrazione nel territorio. L’agroalimentare italiano e le sue eccellenze, prodotti di qualità, certificazioni food e wine, sicurezza alimentare, il turismo enogastronomico, gli itinerari enogastronomici (sentieri del gusto e strade del vino), i distretti del cibo, i distretti turistici.



Testi di riferimento

1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano.

2. Lanfranchi M. Agroalimentare e turismo: fattori aggreganti dell'identità rurale. EDAS, 2008.

3. ARSIA (2006), "Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Concetti, metodi e strumenti", disponibile on-line.

4. Croce E., Perri G. (2018), Il Turismo enogastronomico. Progettare, gestire, vivere l'integrazione tra cibo, viaggio, territorio, FrancoAngeli, Milano.


Altro materiale didattico

Articoli, report e altri testi verranno messi a disposizione degli studenti su Studium.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Transizione ecologica e sviluppo sostenibile. Agenda 2030, Green Deal e agroalimentare. La strategia Farm to Fork.Commissione Europea, Il Green Deal europeo, materiale a cura del docente presente su Studium. 
2I paradossi del cibo, il valore dell'agroalimentare. Le specificità e le funzioni dell'agricoltura.Materiale a cura del docente presente su Studium. 
3Il sistema agroalimentare e l'agribusiness.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 1. 
4Sistema, settore e filiera agroalimentare. L'analisi di filiera.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 1 e materiale a cura del docente presente su Studium. 
5 Alternative agro-food systems, filiere corte, vendita diretta. Tracciabilità e rintracciabilità.Materiale a cura del docente presente su Studium. 
6Il sistema agroalimentare italiano, mutamenti e tendenze. Gli squilibri lungo la catena del valore.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 2 e materiale a cura del docente presente su Studium. 
7Il mercato e il sistema agro-alimentare. Agricoltura, industria, distribuzione. Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 2. 
8Agroalimentare settore anticiclico, la spesa alimentare. I consumi alimentari nell'emergenza Covid.Report Ismea 2021, IV Rapporto sulla domanda e l’offerta dei prodotti alimentari nell’emergenza Covid-19 (Su Studium) 
9I modelli di consumo alimentare. Le leggi del consumo alimentare.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 2 e materiale a cura del docente presente su Studium. 
10Lo spreco alimentare. Food losses e food waste.Materiale a cura del docente presente su Studium. 
11La domanda alimentare. Elasticità della domanda.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 3. 
12Domanda alimentare e reddito. La legge di Engel.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 3. 
13L'offerta dei prodotti agroalimentari. Il problema agricolo.Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 4. 
14L'elasticità dell'offerta al prezzo. Instabilità di mercato. Testo 1. Messori F., Ferretti F., (2010), Economia del mercato agroalimentare, Edagricole, Il sole 24 ore, Milano. Capitolo 4. 
15La qualità dei prodotti agroalimentari. La tutela della sicurezza alimentare.Report Ismea - Qualivita 2020 Sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP e STG; materiale a cura del docente presente su Studium. 
16Qualità e contesto informativo. L'asimmetria informativa.Materiale a cura del docente presente su Studium. 
17L'agroalimentare italiano e le sue eccellenze. I prodotti agroalimentari di qualità. Sistema di certificazione dell'Unione Europea.Report Ismea - Qualivita 2020 Sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP e STG; materiale a cura del docente presente su Studium. 
18Il valore del food a marchio IG, la Dop Economy, i prodotti ad indicazione geografica protetta siciliani, i prodotti di montagna.Report Ismea - Qualivita 2020 Sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP e STG; materiale a cura del docente presente su Studium. 
19La dimensione della tipicità. Il legame prodotto territorio. I prodotti tradizionali.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Capitolo 1. 
20La valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Capitolo 2. 
21La strategia di valorizzazione e le aree strategiche. La mobilizzazione delle risorse locali.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Capitolo 3 e 4. 
22La qualificazione dei prodotti tipici. Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Capitolo 5. 
23La commercializzazione dei prodotti tipici. Fair trade, consumo critico, Gruppi di acquisto solidale.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici. Capitolo 6 e materiale a cura del docente. 
24L'attivazione di sinergie con le altre componenti del territorio. Slow Food, Strade del vino e dei sapori.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici". Capitolo 7 e materiale a cura del docente. 
25Strumenti di rilevazione, analisi e rappresentazione. Ottica di filiera, analisi delle reti di relazione, analisi di contesto.Testo 3. Arsia, ''Guida per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici". Capitolo 9. 
26La multifunzionalità dell'agricoltura. Il triangolo del valore dell'azienda agricola diversificata. Agricoltura sociale.Testo 2. Lanfranchi M. Agroalimentare e turismo: fattori aggreganti dell'identità rurale. EDAS, 2008; Dispense a cura del docente. 
27Il distretto turistico, rurale, agroalimentare. I distretti del cibo.Testo 2. Lanfranchi M. Agroalimentare e turismo: fattori aggreganti dell'identità rurale. EDAS, 2008; Dispense a cura del docente. 
28Il turismo enogastronomico. Testo 4. Croce E., Perri G. (2018), Il Turismo enogastronomico. Progettare, gestire, vivere l'integrazione tra cibo, viaggio, territorio, FrancoAngeli, Milano. Capitolo 1. 
29Turismo sostenibile, turismo rurale e il turismo nelle aree protette. Agriturismo.Testo 2. Lanfranchi M. Agroalimentare e turismo: fattori aggreganti dell'identità rurale. EDAS, 2008. 
30Trasformare il terroir in destinazione turistica.Testo 4. Croce E., Perri G. (2018), Il Turismo enogastronomico. Progettare, gestire, vivere l'integrazione tra cibo, viaggio, territorio, FrancoAngeli, Milano. Capitolo 4. 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Negli appelli ordinari, l'esame si svolge attraverso una prova d'esame in forma orale sui diversi argomenti del programma. La valutazione terrà conto dei seguenti elementi: conoscenza dell’argomento, appropriatezza del linguaggio, pertinenza delle risposte rispetto ai quesiti formulati, capacità di raccordo fra il tema discusso ed altri temi inerenti il programma, capacità logica di argomentare il tema assegnato.

STUDENTI FREQUENTANTI

Per gli studenti frequentanti la valutazione sarà effettuata attraverso due prove. La prima prevede la preparazione di una relazione scritta, individuale e/o di gruppo, che sarà assegnata e realizzata durante lo svolgimento del corso. La seconda consiste in una prova orale nella quale lo studente presenterà e discuterà la relazione con il docente, rispondendo altresì a domande sugli argomenti sviluppati nelle unità didattiche.

Nello specifico gli studenti si divideranno in gruppi di lavoro di massimo 4 persone e sceglieranno insieme al docente l’argomento su cui svolgere l'elaborato finale. Il lavoro consisterà in una relazione di massimo 15 pagine.

La struttura deve comprendere: introduzione e definizione del problema ed eventuali riferimenti teorici, importanza e contestualizzazione dell'argomento, entità del fenomeno (dati statistici e socio-economici e fonti da cui vengono raccolti - si considerino solo dati recenti relativi agli ultimi 5 anni). Quando è possibile, in base all’argomento assegnato, bisognerebbe descrivere le iniziative e gli strumenti che sono stati utilizzati per valorizzare il prodotto agroalimentare in relazione al territorio (anche tramite interviste agli operatori), secondo lo schema seguito durante il corso, evidenziando le seguenti aree strategiche di intervento:

Il materiale prodotto, una volta controllato dal docente, diventerà materiale di base per la successiva presentazione in ppt fra i 15 e i 20 minuti da esporre il giorno della prova orale.

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Le specificità del settore agricolo e il sistema agroalimentare

L'evoluzione degli stili di consumo alimentari

Territorio rurale e sviluppo sostenibile

L'agricoltura multifunzionale

Il turismo rurale e l'agriturismo

Il turismo enogastronomico

La valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici

I prodotti di qualità e le certificazioni




Apri in formato Pdf English version