DIRITTO PROCESSUALE PENALE A - L

IUS/16 - 15 CFU - Insegnamento annuale

Docente titolare dell'insegnamento

TOMMASO RAFARACI
Email: trafaraci@lex.unict.it
Edificio / Indirizzo: Via Gallo, 24, 95124 Catania
Telefono: 095230365
Orario ricevimento: http://www.lex.unict.it/docenti/tommaso.rafaraci


Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
Lo studente del corso di Diritto processuale penale acquisirà conoscenze e capacità di comprensione rivolte all’assimilazione delle regole giuridiche fondamentali del processo penale. Lo svolgimento del programma accompagna lo studente al graduale raggiungimento della padronanza dei principi del sistema processuale penale vigente e degli istituti fondamentali che gli sono propri. Il programma svolto aiuta a sviluppare la capacità di critica, di interpretazione e di analisi del diritto, affinando gli strumenti ermeneutici attraverso i quali diviene possibile conoscere la ratio e gli schemi che governano un processo penale. Durante il corso, lo studente conseguirà anche la capacità di analizzare casi giurisprudenziali, verificando, in concreto, le modalità e le forme in cui si traduce, nella realtà processuale, quanto studiato ed appreso. I risultati raggiunti verranno verificati mediante esame e/o prova in itinere.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Lo studente del corso di Procedura penale padroneggerà le conoscenze degli istituti processuali trattati durante le lezioni. Egli sarà in grado di enunciare e approfondire, anche in chiave critica, soluzioni elaborate dalla dottrina e dalla giurisprudenza, provando ad elaborare soluzioni personali delle problematiche esposte. Gli obbiettivi formativi saranno perseguiti attraverso lezioni frontali ed eventuali esercitazioni di tipo casistico. I risultati attesi verranno valutati in sede di verifica conclusiva.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Lezioni frontali e gruppi di studi.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.

Informazioni per studenti con disabilità e/o DSA
A garanzia di pari opportunità e nel rispetto delle leggi vigenti, gli studenti interessati possono chiedere un colloquio personale col docente in modo da programmare eventuali misure compensative e/o dispensative, in base agli obiettivi didattici ed alle specifiche esigenze.
È possibile rivolgersi anche al docente referente CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata - Servizi per le Disabilità e/o i DSA) del nostro Dipartimento, prof. Condorelli.


Prerequisiti richiesti

Per le propedeuticità formali consultare il regolamento didattico della coorte di riferimento disponibile nella pagina dedicata http://www.lex.unict.it/it/chi-siamo/regolamenti-didattici-del-corso-di-laurea-magistrale-ciclo-unico-giurisprudenza-lmg01



Frequenza lezioni

Facoltativa



Contenuti del corso

L'organizzazione giudiziaria. I soggetti. L'organizzazione degli uffici del pubblico ministero. Gli atti. Le prove. Le misure cautelari. Le indagini preliminari. L’investigazione difensiva. L’udienza preliminare. I procedimenti speciali. Il giudizio. Le impugnazioni. Il giudicato.

PROVA IN ITINERE: L'organizzazione giudiziaria. I soggetti. L'organizzazione degli uffici del pubblico ministero. Gli atti. Le prove. Le misure cautelari. Le indagini preliminari. L’investigazione difensiva. L’udienza preliminare.



Testi di riferimento

M. BARGIS (G. CONSO-V. GREVI fondatori dell'opera), Compendio di procedura penale, Cedam, Padova, 2020, X ed., pp. 2-725 e 754-917 (escluse le pagine: 67-76, 103-108, 128-136, 145-240).

N.B. È richiesta la conoscenza delle modifiche legislative successive alla data di edizione del manuale consigliato per la preparazione dell’esame.

Ai fini di un approccio culturalmente più consapevole allo studio della materia si suggerisce la lettura di almeno uno dei seguenti testi, sui quali, per ragguagli, ci si può rivolgere al docente.
C. BECCARIA, Dei delitti e delle pene, Mondadori, Rizzoli o Einaudi.
A. MANZONI, Storia della colonna infame, Mondadori, Sellerio o Rizzoli.
VOLTAIRE, Trattato sulla tolleranza, Feltrinelli o Demetra.
S. SATTA, Il mistero del processo, Adelphi.
A. KOESTLER, Buio a mezzogiorno, Mondadori.
S. TUROW, Presunto innocente, Mondadori.
L. SCIASCIA, Morte dell’inquisitore, Adelphi.
G. CAROFIGLIO, Testimone inconsapevole, Sellerio.
F. CORDERO, Procedura penale, VII ed., Giuffrè, 2003, p. 3-101.
A. GARAPON, Del giudicare. Saggio sul rituale giudiziario, Cortina, 2007.

PROVA IN ITINERE

M. BARGIS (G. CONSO-V. GREVI fondatori dell'opera), Compendio di procedura penale, Cedam, Padova, 2020, X ed., capp. I-II-IV-V (escluse le pagine: 67-76, 103-108, 128-136, 145-240).


Altro materiale didattico

Nessuno



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Il processo penale. Concetti preliminari  
2L’evoluzione dell’ordinamento italiano. Le codificazioni fino al codice del 1930. 
3Il sistema del codice del 1988 in raffronto con quello previgente. 
4Le fonti del diritto processuale penale. In particolare la Costituzione e le fonti internazionali o sovranazionali 
5Nozioni di ordinamento giudiziario. La magistratura penale. 
6La giurisdizione penale 
7Competenza, conflitti di giurisdizione o di competenza. 
8Gli istituti di garanzia dell’imparzialità del giudice 
9L’organizzazione dell’ufficio del pubblico ministero. Funzioni. Caratteri dell’azione penale. 
10I soggetti privati. L’indagato e l’imputato. 
11La persona offesa e gli enti esponenziali. La parte civile e le altre parti eventuali 
12Il difensore e il diritto di difesa 
13Gli atti. In particolare, gli atti del giudice 
14La fattispecie processuale penale. L’invalidità degli atti. In particolare la nullità degli atti. 
15La notizia di reato e l’avvio delle indagini preliminari. Le condizioni di procedibilità 
16L’attività d’indagine della polizia giudiziaria 
17L’attività d’indagine del pubblico ministero. Le misure precautelari (arresto in flagranza e fermo di indiziati di delitto. 
18Accertamenti non ripetibili 
19Incidente probatorio 
20La chiusura delle indagini preliminari e la procedura di archiviazione. La richiesta di rinvio a giudizio 
21L’ udienza preliminare: svolgimento, epiloghi, formazione del fascicolo per il dibattimento 
22Le indagini difensive 
23Il sistema delle misure cautelari personali e reali. Principi e presupposti 
24La procedura applicativa ed esecutiva 
25L’estinzione delle misure cautelari personali 
26Le impugnazioni cautelari 
27Il sistema probatorio e le sue regole generali. Mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova 
28I singoli mezzi di prova tipici. In particolare, la testimonianza e l’esame. La testimonianza indiretta 
29Le intercettazioni di comunicazioni 
30I procedimenti speciali. Il giudizio abbreviato 
31L’applicazione della pena su richiesta delle parti 
32Il procedimento per decreto penale di condanna 
33Il giudizio immediato 
34Il giudizio direttissimo 
35Gli atti preliminari al dibattimento 
36L’introduzione della prova e i provvedimenti sull’ammissione 
37L’istruzione dibattimentale. L’assunzione della prova dichiarativa. Il contraddittorio nella formazione della prova nel quadro del “giusto processo” 
38Il principio di oralità-immediatezza e le sue deroghe. La lettura degli atti. 
39Le nuove contestazioni e la correlazione tra accusa e sentenza. 
40La discussione finale e la deliberazione della sentenza 
41La valutazione della prova e la motivazione della sentenza 
42Il procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica 
43I principi generali delle impugnazioni 
44Legittimazione e interesse a impugnare 
45Il ricorso per cassazione: casi e cause di inammissibilità 
46Le impugnazioni straordinarie: la revisione 
47La revisione per violazione di norme convenzionali accertata dalla Corte edu 
48La preclusione del ne bis in idem 
49I rapporti tra giudicati 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Prova orale.

L'esame sarà valutato secondo i seguenti criteri (Delibera Consiglio CdS 17 settembre 2018):

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Esempi di domande:

- Le questioni pregiudiziali

- La competenza per materia

- La competenza per connessione

- Nullità

- Incompatibilità a testimoniare

- Testimonianza indiretta

- Intercettazioni

- L'archiviazione

- L'incidente probatorio

- Gli accertamenti tecnici non ripetibili

- L'arresto e il fermo

- Condizioni per l'applicazione delle misure cautelari

- Il riesame

- L'udienza preliminare

- Giudizio abbreviato

- Patteggiamento

- Procedimento per decreto

- Giudizio immediato

- Sentenza predibattimentale

- Liste testimoniali

- Contestazioni nell'esame testimoniale

- Modifica dell'imputazione

- Letture

- Esame incrociato

- Ammissibilità delle impugnazioni

- Estensione dell'impugnazione

- Appello incidentale

- Rinnovazione dell'istruzione dibattimentale

- Motivi di ricorso per cassazione

- Giudizio di rinvio

- Ricorso straordinario per cassazione

- Revisione

- Ne bis in idem




Apri in formato Pdf English version