ARCHEOLOGIA DEL LIBRO

M-STO/08 - 9 CFU - 1° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

SIMONA INSERRA
Email: simona.inserra@gmail.com
Edificio / Indirizzo: piazza Dante 32, Catania
Telefono: 095/7102317
Orario ricevimento: mercoledi, ore 10.30-12.00


Obiettivi formativi

Gli studenti conosceranno e sapranno descrivere i principali passaggi relativi alla storia della produzione libraria manoscritta e a stampa; conosceranno i luoghi di produzione, le tecniche e i materiali utilizzati per la manifattura di un libro nelle diverse epoche storiche, le tecniche di descrizione e di conservazione; avranno contezza dei maggiori repertori relativi ai manoscritti e ai libri antichi a stampa, delle collezioni digitali nazionali e internazionali e delle banche dati relative alle legature, alle decorazioni e ai segni d’uso.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Lezioni frontali. Sono previste visite didattiche presso biblioteche di conservazione, al fine di consentire allo studente la conoscenza diretta di alcune delle questioni affrontate a lezione, e seminari di approfondimento.

La frequenza delle lezioni, anche se non obbligatoria, è fortemente consigliata.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

Nessuno



Frequenza lezioni

Facoltativa.



Contenuti del corso

Il corso affronta le principali questioni legate alla nascita e allo sviluppo del libro in Occidente. Il libro sarà analizzato quale oggetto materiale, dalle tavolette lignee ai rotoli di papiro, dai codici pergamenacei e cartacei al libro a stampa, dall’invenzione della stampa a caratteri mobili sino ai primi decenni del XIX secolo.

Fra i temi, ampi, della disciplina, saranno trattati in particolare i seguenti:



Testi di riferimento

MODULO A

  1. Marco Cursi, Le forme del libro. Dalla tavoletta cerata all’e-book, Bologna, Il Mulino, 2016 (pp. 1-96).
  2. Marilena Maniaci, Breve storia del libro manoscritto, Roma, Carocci, 2019 (123 p.).
  3. Marco Palma, Aspetti quantitativi della produzione libraria manoscritta e a stampa nel Quattrocento, «La bibliofilia», v. 116, n. 1-3 (2014), pp. 165-178.
  4. Lorenzo Baldacchini, Il libro antico. Storia, diffusione e descrizione, Roma, Carocci, 20193 (pp. 11-185 e 219-244).
  5. J. A. Szirmai, The archaeology of medieval bookbinding, London & New York, Routledge, 2017 (pp. 3-31 e 95-319).

MODULO B

  1. Printing Revolution 1450-1550: i cinquant’anni che hanno cambiato l’Europa. Catalogo della mostra, a cura di Cristina Dondi, Venezia, Marsilio, 2018 (146 p., di cui la gran parte è costituita da illustrazioni).
  2. Armando Petrucci, Fra conservazione e oblio: segni, tipi e modi della memoria scritta in Armando Petrucci, Scrittura documentazione memoria. Dieci scritti e un inedito: 1963-2009, con una premessa di Attilio Bartoli Langeli, Roma, ANAI, 2019, pp. 137-153.

 

Durante le lezioni saranno presentati e discussi i più importanti cataloghi, i repertori e le collezioni digitali relativi a manoscritti, ai libri antichi, alle legature e al censimento dei segni d’uso. Tutti i riferimenti bibliografici e i link ai siti saranno resi disponibili immediatamente sulla piattaforma Studium.

 

MODULO C

Gli studenti, in base alla tematica che preferiranno approfondire, studieranno inoltre un saggio a scelta tra i seguenti:

  1. Un capitolo a scelta da: Guglielmo Cavallo, Scrivere e leggere nella città antica, Roma, Carocci, 2019.
  2. Un capitolo a scelta da: Le biblioteche nel mondo antico e medievale, a cura di Guglielmo Cavallo, Roma-Bari, Laterza, 200911.
  3. Armando Petrucci, La concezione cristiana del libro fra VI e VII secolo, in: Libri e lettori nel Medioevo. Guida storica e critica, a cura di Guglielmo Cavallo, Bari, Laterza, 1977, pp. 3-26 (con note alle pp. 233-238).
  4. S. Inserra, ‘Accomodare, inquaternare, scrivere li libri’: pratiche di produzione, uso e consumo dei libri nel monastero benedettino di San Nicolò l’Arena di Catania tra 1666 e 1676 in Memorie di carta: archivi, biblioteche, documenti, libri e lettori dal nord al sud d’Italia, a cura di Simona Inserra, Milano, Ledizioni, 2019, pp. 169-184.
  5. Un capitolo a scelta da: Martin Davies, Neil Harris, Aldo Manuzio. L’uomo, l’editore, il mito. Roma, Carocci, 2019.
  6. Ugo Rozzo, Iconologia del libro nelle edizioni dei secoli XV e XVI, Udine, Forum, 2016 (cap. 3: Il libro nello studiolo, in libreria e in biblioteca, pp. 65-117).

 

Eventuale bibliografia integrativa presentata e discussa a lezione sarà resa disponbile di volta in volta sulla piattaforma Studium.

 

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive disposizioni, fotocopiare libri in commercio, in misura superiore al 15% del volume o del fascicolo di rivista, è reato penale.

Per ulteriori informazioni sui vincoli e sulle sanzioni all’uso illecito di fotocopie, è possibile consultare le Linee guida sulla gestione dei diritti d’autore nelle università (a cura della Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle opere dell’ingegno - AIDRO).

I testi di riferimento possono essere consultati in Biblioteca.


Altro materiale didattico

Altri materiali per lo studio e l'approfondimento dei contenuti trattati durante il corso potranno essere forniti attraverso la piattaforma Studium.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Il libro manoscritto in Occidente dall’età tardoantica all’età umanistica: materiali, strumenti scrittori e tecniche di produzione, circolazione e conservazione. L’attività di copia: le botteghe laiche e i centri di produzione monastica.Testo A1: cap. 1, 2, 3; Testo A2: cap. 1, 2, 3 
2Il passaggio dal manoscritto al libro a stampa: gli incunaboli.Testo A1: cap. 4; Testo A3. 
3Il libro antico prodotto con le tecniche di stampa manuale, sino al 1830: materiali, strumenti e tecniche di produzione, circolazione e conservazione. Le officine tipografiche.Testo A1: cap. 4; Testo A4: cap. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 
4La legatura dall’età tardoantica alla prima metà del XIX secolo: tecniche, strumenti, materiali, artigiani.Testo A5: cap. 1, 2, 7, 8, 9, 10 
5Lettori e possessori di manoscritti e libri antichi: segni d’uso, tracce di provenienza e loro registrazione.Testo A2: cap. 4; Appunti delle lezioni e materiali caricati su Studium 
6Analisi e descrizione degli esemplari per la tutela, la conservazione e la valorizzazione del libro manoscritto e del libro antico a stampaTesto A2: cap. 5; Testo A4: cap. 11; Testo B1, testo B2 
7Repertori, cataloghi cartacei e on line, banche dati, collezioni digitaliAppunti delle lezioni e link, materiali caricati su Studium 
8Progetti nazionali e internazionali di censimento e descrizione dei manoscritti e dei libri antichi a stampa.Appunti delle lezioni e link ai siti web. 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Prova scritta in itinere.

Prova orale finale.

Il corso prevede una prova in itinere scritta al termine del modulo A. L’esame orale, per chi avrà superato la prova in itinere, riguarderà solo i moduli B e C.

Si consiglia la frequenza e la partecipazione attiva alle lezioni.

Per la valutazione dell’esame si terrà conto della padronanza dei contenuti, delle competenze acquisite, della padronanza del linguaggio e della proprietà lessicale, delle capacità argomentative dimostrate dal candidato.

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.




Apri in formato Pdf English version