PATOLOGIA VEGETALE

AGR/12 - 6 CFU - 1° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

ANTONELLA PANE
Email: apane@unict.it
Edificio / Indirizzo: Di3A - Sez. patologia vegetale ,Via S. Sofia 100
Telefono: 0957147362/ 391
Orario ricevimento: Per colloqui con gli studenti il docente è disponibile previo appuntamento,a distanza (codice team: afyy6p6) o in presenza nei giorni e con le modalità riportate nel sito docente http://www.di3a.unict.it/docenti/antonella.pane


Obiettivi formativi

L’obiettivo formativo principale di questa disciplina è quello di fornire le conoscenze di base che riguardano le malattie delle piante causate da agenti biotici e abiotici. Le malattie riducono la produttività e il valore commerciale delle piante officinali causando anche perdite qualitative. IAlla fine del corso, lo studente avrà acquisito abilità diagnostiche, sarà in grado valutare l'importanza fitosanitaria dei principali agenti di malattie delle piante oficinali e avrà le conoscenza di base per definire strategie ecosostenibili per il contenimento delle infezioni .


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Gli obiettivi formativi prefissati saranno raggiunti attraverso lezioni frontali condotte con l’ausilio di schemi didattici su supporto informatico ed esercitazioni di laboratorio. per il riconoscimento dei principali sintomi e per l'apprendimento delle tecniche di isolamento dei patogeni fungini da tessuti vegetali infetti.

Inoltre si proporrà agli studenti di allestire una relazione su un argomento monografico, scelto insieme al docente, che poi dovrà essere presentato nel corso delle lezioni previa preparazione di un power point. Ciò consentirà agli studenti di acquisire una serie di conoscenze relative ai seguenti aspetti: a) effettuare una ricerca bibliografica consultando articoli e siti web sull'argomento scelto, avendo cura di selezionare le fonti più affidabili; b) preparare una relazione sulla base di uno schema ben tracciato; c) allestire un power point scegliendo immagini adeguate e strutturando le diapositive in modo opportuno; d) esporre in pubblico rispondendo alle domande del docente.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus


Prerequisiti richiesti

Biologia della cellula vegetale: struttura e funzione (utile)
Botanica generale: morfologia e fisiologia delle piante (utile)
Conoscenze elementari di botanica sistematica (utile)



Frequenza lezioni

UNIVERSITÀ DI CATANIA - REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in SCIENZE FARMACEUTICHE APPLICATE L-29 – Scienze e Tecnologie Farmaceutiche COORTE 2018/2019

(....)

3.1 Frequenza.- La frequenza ai corsi è obbligatoria. Sono consentite assenze per non più del 30% delle ore complessive di lezione valutate in tutte le forme di espletamento. Gli studenti possono chiedere la dispensa totale o parziale dall’obbligo della frequenza alle lezioni teoriche per gravi e/o giustificati motivi. La dispensa è deliberata dal Consiglio del Corso di Studio e deve contestualmente prevedere la possibilità di partecipare agli appelli dei relativi esami (RDA art. 24, comma 2). Per studenti lavoratori, studenti atleti e studenti in situazioni di difficoltà (RDA art.27) è prevista: - la riduzione dell'obbligo di frequenza (70%) nella misura massima del 20%; - la possibilità di sostenere gli esami negli appelli straordinari riservati agli studenti fuoricorso; - specifiche attività di supporto didattico. Le suddette agevolazioni si applicano anche agli studenti con disabilità riconosciuta dalla competente struttura dell'Ateneo. La dispensa è deliberata dal Consiglio del Corso di Studio.

3.2 Modalità di accertamento della frequenza.- Ciascun docente stabilisce un metodo per l'accertamento della frequenza al corso di cui è titolare e, a fine corso, comunica alla Segreteria degli Studenti l'elenco degli studenti che non hanno soddisfatto l'obbligo della frequenza.



Contenuti del corso

Introduzione alla Patologia vegetale. Definizione di malattia. Patogenicità e parassitismo. Classificazione delle malattie.

Cenni e generalità sui viroidi, virus, fitoplasmi, batteri e funghi: caratteristiche e sintomatologia.

La diagnosi delle malattie. I postulati di Koch. Principali metodi di diagnosi delle malattie; convenzionali e innovativi (sierologici, molecolari).

Fasi di sviluppo di una malattia infettiva: inoculazione, penetrazione, infezione, colonizzazione, disseminazione. Ciclo ontogenetico dei patogeni e ciclo della malattia. Specializzazione dei patogeni: formae speciales, razze e patovar.

Meccanismi di attacco dei patogeni: tossine, proteine ed enzimi, sostanze regolatrici di crescita. Classificazione delle malattie in base ai meccanismi di patogenesi.

Meccanismi di resistenza: difese strutturali e biochimiche preesistenti (cere e cuticola, parete cellulare, essudati fungitossici, fenoli, tannini, enzimi idrolitici) e indotte (istologiche, cellulari, reazione di ipersensibilità, fitoalessine, enzimi ossidativi, resistenza indotta). Genetica delle fitopatie: meccanismi di variabilità dei patogeni, immunità, tolleranza, sfuggenza e resistenza vera: orizzontale o poligenica e verticale o monogenica.

Epidemiologia delle malattie. Influenza dei fattori ambientali sullo sviluppo delle epidemie.

Principi di lotta contro le malattie (aspetti generali e definizioni): prevenzione (esclusione, eradicazione), protezione e resistenza genetica. Lotta biologica e integrata. Effetti indesiderabili dell’impiego dei fitofarmaci.

Oidio della vite , Muffa grigia della vite , Cancro della corteccia del castagno, Peronospora della patata e del pomodoro, Peronospora della vite, Mal secco degli Agrumi, Tumore batterico dei fruttiferi, Tristezza degli agrumi (CTV).



Testi di riferimento

Testi Consigliati

1) Belli G. Elementi di Patologia vegetale. Piccin Editore, 2011 (Nuova Edizione)

2) G.L. Schumann. e D'Arcy C.J. - Essential Plant Pathology, 2nd Edition, APS Press.

Testi da consultare per approfondimenti

3) Agrios N., Plant Pathology. Academic Press.

4) Buchanan B.B., Gruissem W. e Jones R.L. Biochimica e Biologia molecolare delle piante, Zanichelli Editore.


Altro materiale didattico

Eventuale materiale didattico integrativo (appunti delle lezioni; protocolli delle esercitazioni; articoli scientifici e/o divulgativi relativi agli argomenti del programma; dispense su argomenti monografici) verrà fornito dal docente nel corso delle lezioni e contemporaneamente pubblicato su Studium.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Introduzione alla Patologia vegetale. Definizione di malattia. Patogenicità e parassitismo. Classificazione delle malattie. Cenni e generalità sui viroidi, virus, fitoplasmi, batteri e funghi: caratteristiche e sintomatologia. La diagnosi delle malattie. 1) 2) 3); materiale didattico fornito dal docente  
2I postulati di Koch. Principali metodi di diagnosi delle malattie; convenzionali e innovativi (sierologici, molecolari). 1) 2) 3); materiale didattico fornito dal docente 
3Fasi di sviluppo di una malattia infettiva: inoculazione, penetrazione, infezione, colonizzazione, disseminazione. Ciclo ontogenetico dei patogeni e ciclo della malattia. Specializzazione dei patogeni: formae speciales, razze e patovar.1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
4Meccanismi di attacco dei patogeni: tossine, proteine ed enzimi, sostanze regolatrici di crescita. Classificazione delle malattie in base ai meccanismi di patogenesi.1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
5Meccanismi di resistenza: difese strutturali e biochimiche preesistenti (cere e cuticola, parete cellulare, essudati fungitossici, fenoli, tannini, enzimi idrolitici) e indotte (istologiche, cellulari, reazione di ipersensibilità, fitoalessine)1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
6Genetica delle fitopatie: meccanismi di variabilità dei patogeni, immunità, tolleranza, sfuggenza e resistenza vera: orizzontale o poligenica e verticale o monogenica.1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
7Epidemiologia delle malattie. Influenza dei fattori ambientali sullo sviluppo delle epidemie. 1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
8Principi di lotta contro le malattie (aspetti generali e definizioni): prevenzione (esclusione, eradicazione), protezione e resistenza genetica. Lotta biologica e integrata. Effetti indesiderabili dell’impiego dei fitofarmaci.1) 2) 3) e 4); materiale didattico fornito dal docente 
9Oidio della vite , Muffa grigia della vite , Cancro della corteccia del castagno1) e3); materiale didattico fornito dal docente  
10Peronospora della patata e del pomodoro, Peronospora della vite, Mal secco degli Agrumi,Tumore batterico dei fruttiferi,Tristezza degli agrumi (CTV).1) e 3); materiale didattico fornito dal docente 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso una prova scritta in itinere , a risposta aperta e della durata di 2 ore. L’esito della prova, valutata in trentesimi, farà media con l’esito dell'elaborato scritto per il raggiungimento del voto finale.

L’esame finale consiste nell' approfondimento di un argomento monografico inerente al programma svolto,scelto in accordo con il docente, con presentazione di un Power point da discutere oralmente in sede di esame. La valutazione espressa in trentesimi sarà basata sul grado di approfondimento dell'argomento trattato, di cui il docente si accerterà durante l'illustrazione della relazione, sulle conoscenze maturate durante il corso e accertate con alcune domande specifiche, la qualità dei contenuti e l'esposizione orale dello stesso (la proprietà di linguaggio tecnico ).

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Definizioni di malattia monociclica, policiclica e politietica; riportare degli esempi per ciascun tipo di malattia. Descrivere la differenza tra marciume molle e marciume secco. Illustrare le funzioni, Macerante, Nutrizionale, Meccanica, Tossica, Elicitante, che possono svolgere gli enzimi.




Apri in formato Pdf English version