STORIA, TEORIA E PRATICA DEI VOCABOLARI LETTERARI DIGITALI

L-FIL-LET/11 - 6 CFU - 2° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

ANTONINO SICHERA
Email: asichera@unict.it
Edificio / Indirizzo: via Orfanotrofio 49, 97100 Ragusa Ibla
Telefono: 0932-622761
Orario ricevimento: giovedì 10.30-12.30


Obiettivi formativi

L’avvento delle tecnologie digitali ha investito ambiti consolidati della tradizione, rappresentando, dopo la rivoluzione tipografica, una nuova torsione delle modalità di creazione e fruizione dei testi. Il corso vuole mettere a tema le possibilità che le innovazioni tecnologiche offrono alla pratica della lettura e dell’interpretazione. Dopo il necessario inquadramento storico, verranno presentate le potenzialità ermeneutiche suggerite dalla lessicografia e dal metodo di lettura concordanziale, insieme ad altri modelli che usano gli strumenti informatici per ‘leggere’ i testi. L’applicazione ai testi di questa articolata piattaforma teorica è il necessario completamento del corso, da realizzare in una dimensione laboratoriale attraverso lo studio di una serie di ‘casi’, che possono essere adattati a contesti ed ambienti diversi, dalla didattica alla formazione professionale, e che mirano al raggiungimento di competenze avanzate nella decodifica di testi complessi (non solo letterari) e nella presentazione pubblica di contenuti.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Lezioni frontali; esercitazioni e attività laboratoriali.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

Conoscenza degli elementi essenziali della grammatica italiana e della linguistica dei testi.



Frequenza lezioni

Obbligatoria.



Contenuti del corso

A. Storia e modelli di lettura dei testi. (3 CFU)

Da Gutenberg al digitale. Modelli di ermeneutica dei testi. Dal close reading al distant reading, fino al computational hermeneutics. Questioni epistemologiche e problemi di modellizzazione e rappresentazione. Attraversare il testo: concordanze, indici e liste di frequenza. Funzioni di ricerca e di interrogazione.

B. Applicazioni. (3 CFU)

  1. Poesia e prosa alla prova del metodo lessicografico e concordanziale.
  2. Il concetto di autore e autorialità al tempo di internet. La morte dell’autore, la parola elettronica e la letteratura combinatoria.
  3. Autore e lettore nella rete. Leggere in pubblico: comunità letteraria e transmedialità. Informazione, critica, dibattito intorno alla letteratura.
  4. Narrazioni e storytelling. Scritture e letture ‘brevi’.
  5. La formazione e le tecnologie digitali: TIC (Tecnologie per l’informazione e la comunicazione nella scuola), flipped classroom, object learning.

     



Testi di riferimento

- A. Sichera, Ermeneutiche. Punti di vista sul confine, Euno edizioni, 2017/2019, pp. 128.

- F. Stella, Testi letterari e analisi digitale, Carocci, 2018, pp. 1-54, 81-126.

- G. Roncaglia, L'età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale, Laterza, 2018, pp. 234.

- C. Bonsi, A. Di Iorio, P. Italia, F. Vitali, Manzoni's electronic interpretations in The Mechanic Reader. Digital Methods for Literary Criticism, a cura di F. Stella e F. Ciotti, «Semicerchio», LIII 2015/2, pp. 91-99.

- F. Ciotti, Modelli e metodi computazionali per la critica letteraria: lo stato dell'arte, in L’Italianistica oggi: ricerca e didattica, Atti del XIX Congresso dell’ADI - Associazione degli Italianisti (Roma, 9-12 settembre 2015), a cura di B. Alfonzetti, T. Cancro, V. Di Iasio, E. Pietrobon, Roma, Adi editore, 2017, http://www.italianisti.it/upload/userfiles/files/Ciotti.pdf, (pp. 12).

- U. Eco, Sei passeggiate nei boschi narrativi, Bompiani 1994/2007, capp. 1 (pp. 1-31), 3 e 4 (pp. 61-117).

- C. Pavese, I dialoghi con Leucò, Mondadori 2020.

 

I testi per le esercitazioni e altri materiali utili saranno resi disponibili sulla piattaforma studium unict.

 

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive disposizioni, fotocopiare libri in commercio, in misura superiore al 15% del volume o del fascicolo di rivista, è reato penale.

Per ulteriori informazioni sui vincoli e sulle sanzioni all’uso illecito di fotocopie, è possibile consultare le Linee guida sulla gestione dei diritti d’autore nelle università (a cura della Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle opere dell’ingegno - AIDRO).

I testi di riferimento possono essere consultati in Biblioteca.


Altro materiale didattico

Altri materiali per lo studio e l'approfondimento dei contenuti trattati durante il corso potranno essere forniti attraverso la piattaforma Studium.


Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Da Gutenberg al digitale. Modelli di ermeneutica dei testi.Sichera 2017/2019; Stella 2018; Ciotti 2017; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 
2Dal close reading al distant reading, fino al computational hermeneutics.Sichera 2017/2019; Stella 2018; Ciotti 2017; 
3Questioni epistemologiche e problemi di modellizzazione e rappresentazione.Sichera 2017/2019; Stella 2018; Ciotti 2017; 
4Attraversare il testo: concordanze, indici e liste di frequenza. Funzioni di ricerca e di interrogazione.Sichera 2017/2019; Stella 2018; Ciotti 2017; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 
5Poesia e prosa alla prova del metodo lessicografico e concordanziale.Sichera 2017/2019; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 
6Il concetto di autore e autorialità al tempo di internet. La morte dell’autore, la parola elettronica e la letteratura combinatoria.Eco 1994/2007; C. Bonsi, A. Di Iorio, P. Italia, F. Vitali 2015; 
7Autore e lettore nella rete. Leggere in pubblico: comunità letteraria e transmedialità. Informazione, critica, dibattito intorno alla letteratura.Stella 2018; Eco 1994/2007; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 
8Narrazioni e storytelling. Scritture e letture ‘brevi’.Roncaglia 2018; Eco 1994/2007; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 
9La formazione e le tecnologie digitali: TIC (Tecnologie per l’informazione e la comunicazione nella scuola), flipped classroom, object learning.Roncaglia 2018; altri testi resi disponibili sulla piattaforma studium unict. 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Prova orale finale.

Durante il corso saranno letti e analizzati testi di autori italiani del Novecento, che saranno anche oggetto delle applicazioni/workshop. L’esame è composto da una prova in itinere, nella quale lo studente presenterà – applicando i metodi appresi e le tecnologie digitali – un proprio progetto, e da una prova orale finale.

Per la valutazione dell’esame si terrà conto della padronanza dei contenuti e delle competenze acquisite, dell’accuratezza linguistica e proprietà lessicale, nonché della capacità argomentativa dimostrata dal candidato.

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

- Che cos’è un vocabolario?

- Che cos'è una concordanza? Come si legge? Come si configura?

- Qual è la differenza tra forma e lemma?




Apri in formato Pdf English version