METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE PER LA TERAPIA OCCUPAZIONALE

M-EDF/01 - 4 CFU - 1° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

GIUSEPPE MUSUMECI
Email: g.musumeci@unict.it
Edificio / Indirizzo: Comparto 10, Ed A, Via S. Sofia n° 87, 95123, Catania
Telefono: 0953782043
Orario ricevimento: Dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12, previo avviso tramite email.


Obiettivi formativi

Obiettivo dell’insegnamento è che gli studenti acquisiscano conoscenze e comprendano l’importanza della Teoria e Metodologia del Movimento Umano.

L’insegnamento si propone di fornire agli studenti le nozioni di base sulla:

conoscenza del movimento umano;

classificazione dei movimenti;

realizzazione del movimento e le sue forme (motricità riflessa, volontaria, automatizzata);

apprendimento motorio;

abilità e capacità;

classificazione delle abilità motorie;

strategia del controllo per favorire l’apprendimento motorio e la correzione dell’errore motorio.

L’insegnamento si propone di fornire agli studenti una generale comprensione sul movimento umano e i sui suoi metodi di indagine sulle: posture, stazioni, atteggiamenti, attitudini, schemi motori statici o posturali, schemi motori dinamici e sull'attività fisica adattata.

Obiettivo dell’insegnamento è quello di far conoscere il movimento del corpo umano in toto e l'’evoluzione del movimento nelle diverse fasce d’età (età evolutiva, della stabilizzazione, dell’involuzione), le fasi sensibili per l’apprendimento e lo sviluppo motorio, la comunicazione non verbale, il linguaggio gestuale e motorio, le metodologie delle attività motorie espressive e le relazioni tra le capacità motorie.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Didattica frontale come metodo d’insegnamento principale con esercitazioni teorico pratiche e scelta dello studente su un tema di studio, una patologia, un caso clinico, per articolare una lezione di attività motoria adattata, attraverso la consegna di un report di approfondimento di gruppo (tesina pdf) e attraverso un seminario divulgativo (presentazione orale attraverso ppt). Ad es. strutturare una seduta di Attività Fisica Adattata (AFA).

"Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus"


Prerequisiti richiesti

Propedeudicità.



Frequenza lezioni

Obbligatoria con un 20% di assenze consentito.



Contenuti del corso

Introduzione del Corso, Dossier epidemiologico sull’attività fisica adattata.

Anatomia Funzionale e Chinesiologia.

Apparato locomotore (ossa, articolazioni e muscoli)

Strutture corticali-sottocorticali ed apprendimento motorio.

Muscoli e contrazione muscolare, crampi, contratture e strappi muscolari.

Anticipazioni e neuroni a specchio.

Il movimento: organizzazione generale.

Programmazione e controllo del movimento.

Modelli di apprendimento motorio.

Metodologie di apprendimento motorio.

Movimento e psicomotricità.

Schemi motori di base.

Fasi evolutive.

Ginnastica Educativa.

Assi e piani.

Open skill e closed skill.

Termini di direzione.

Parti esterne del corpo e loro terminologia.

Posizioni (o stazioni).

Movimenti e loro nomenclatura.

Controllo del movimento a circuito chiuso ed aperto.

Conoscenze, capacità, competenze, abilità motorie.

Tempi di reazione e di movimento.

Prassia ed aprassia, stereotipie e tic.

Capacità di adattamento.

Movimento e implicazioni relative all’equilibrio.

Biomeccanica, Cinematica, Dinamica, Statica, Elettromiografia e Postura.

Tecniche e Metodi di Allenamento, Prevenzione e Rieducazione Motoria Adattata per le seguenti patologie:

Attività fisica adattata per: sindrome di Down, autismo, ADHD, ipertensione; Patologie Cardiovascolari; Sovrappeso ed Obesità, Diabete di Tipo 2; Osteoartrite; Osteoporosi; Depressione, Paramorfismi e Dismorfismi della Colonna Vertebrale.



Testi di riferimento

Lineamenti di Teoria e Metodologia del Movimento Umano. Vita e Pensiero. Francesco Casolo.

Chinesiologia. Il Movimento Umano. Vincenzo Pirola. Ediermes.

Anatomia del Movimento e abilità atletica. Ediermes.


Altro materiale didattico

Il materiale didattico verrà fornito a lezione come file pdf.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Il Movimento Umano: Definizioni e Funzioni, Attività Fisica Adattata, Anatomia Funzionale e Chinesiologia, Termini di Movimento, L’ontogenesi del movimento, Le Posture e gli Schemi Motori, La Motricità di tipo espressivo. Francesco Casolo: Lineamenti di Teoria e Metodologia del Movimento Umano. Vita e pensiero, 2002.  


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Prova intermedia, prova scritta e prova finale scritta e/o orale.

"La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere".


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Closed skill e Open skill.

Termini di movimento.

Anticipazioni.

Strutture corticali e sottocorticali collegati con il movimento.

Contrazione muscolare e movimento.

Postura.

Schemi motori.

Attività fisica adattata.

La capacità di mobilità articolare, la flessibilità e l’estensibilità muscolare.

La capacità di forza in tutte le sue estrinsecazioni.

La capacità di rapidità e velocità nelle espressioni cognitive e motorie.

La capacità di protrarre uno sforzo nel tempo (resistance ed endurance).




Apri in formato Pdf English version