ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO A - C

IUS/01 - 18 CFU - Insegnamento annuale

Docente titolare dell'insegnamento

MARISA MELI
Email: mameli@lex.unict.it
Edificio / Indirizzo: Via gallo 24
Telefono: 095-230301
Orario ricevimento: http://www.lex.unict.it/docenti/marisa.meli


Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
Lo studente acquisisce le conoscenze fondamentali riguardanti i principali istituti del diritto civile e la loro disciplina essenziale
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
È in grado di comprendere la funzione del diritto e di cogliere le ragioni e le modalità di risoluzione dei conflitti di interessi interprivati, anche alla luce del diritto effettivo. Impara ad utilizzare appropriatamente la terminologia tecnico-giuridica; sa distinguere, all’interno di un discorso, le parti che riproducono elementi normativi e quelle che sono frutto della loro interpretazione; sa operare gli opportuni collegamenti fra i diversi istituti del diritto civile; utilizza appropriatamente i testi normativi. Sa analizzare casi pratici semplici, ed i problemi che essi comportano, nonché gli istituti giuridici di riferimento, individuando soluzioni appropriate, alla luce delle nozioni acquisite. Possiede le cognizioni di base per l’apprendimento delle discipline comprese nelle diverse partizioni del diritto privato che dovrà affrontare nel contesto del corso di laurea.
Autonomia di giudizio
Lo studente acquisisce capacità critiche e di giudizio grazie anche a esercitazioni e seminari con l’analisi di casi e questioni giuridiche di diritto privato e il correlato studio delle diverse posizioni di dottrina e giurisprudenza.
Abilità comunicative
Lo studente sviluppa le proprie capacità di comunicazione e di linguaggio giuridico venendo esortato a leggere analiticamente i testi dottrinali e giurisprudenziali e poi a esporre, anche mediante appositi seminari, i passaggi logici essenziali delle questioni giuridiche studiate.
Capacità di apprendimento
Lo studente acquisisce il metodo di studio necessario ad approcciarsi a discipline di diritto positivo venendo abituato a indagare e a mettere in correlazione il conflitto di interessi affrontato dal legislatore insieme con il criterio di selezione di detto conflitto racchiuso nella norma emanata e avendo ricevuto i necessari insegnamenti su come reperire le fonti legislative, dottrinarie e giurisprudenziali.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

L'insegnamento si svolge mediante lezioni frontali.

E' richiesta la partecipazione attiva degli studenti, ai quali verrano sottoposti semplici quesiti, opinioni in merito ai problemi trattati, nonché la consultazione del codice civile. Al termine di ogni argomento può essere prevista una esercitazione in aula, con lettura e commento di sentenze o con quesiti scritti.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

Non si richiedono prerequisiti specifici. E' necessaria l'iscrizione al I anno di Giurisprudenza senza debiti formativi

Gli studenti devo recarsi a lezione muniti di codice civile



Frequenza lezioni

La frequenza alle lezioni, pur non essendo obbligatoria, è fortemente consigliata



Contenuti del corso

Il diritto, l'ordinamento giuridico la norma giuridica e le sue fonti. Le fonti transnazionali. L'interpretazione delle norme. Le situazioni giuridiche soggettive ed il rapporto giuridico.
I soggetti: persona fisica, persone giuridiche, enti di fatto. Diritti della personalità.
Beni, diritti reali, comunione e condominio possesso.
Fatti, atti e negozi giuridici (profili generali).
Prescrizione e decadenza
I rapporti di famiglia.
Le successioni a causa di morte
Le obbligazioni, ivi comprese quelle nascenti dalla legge
Il contratto: parte generale (ivi compresi i contratti dei consumatori)
I singoli contratti.
Promesse unilaterali
La responsabilità patrimoniale e le cause di prelazione.
Mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale.
L'atto illecito.
Pubblicità. Trascrizione.
Le prove



Testi di riferimento

Vincenzo Roppo, Diritto Privato, Settima edizione, Giappichelli, 2020

Un codice civile aggiornato a scelta dello studente


Altro materiale didattico

Eventuale materiale didattico integrativo sarà inserito sulla piattaforma Studium.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1La prima parte delle lezioni (settembre-dicembre) è così organizzata:Il testo di riferimento è ROPPO, Diritto Privato, Giappichelli, 2020 
2a) la prima settimana (dal 5 ottobre) è dedicata al contenuto del corso e al diritto privato nel sistema giuridico  
3b) la seconda settimana (dal 12 ottobre alle fonti del diritto, ) al rapporto tra il giudice e la legge (interpretazione, equità, analogia) 
4c) la terza settimana (dal 19 ottobre) alle situazioni giuridiche soggettive e ai rapporti giuridici 
5d) la quarta settimana (dal 26 ottobre) alla tutela giurisdizionale dei diritti 
6e) la quinta e la sesta settimana sono dedicate alla persona, fisica e giuridica 
7f) la settima settimana ai beni e alle forme di appartenenza, con particolare riferimento alla distinzione tra beni privati, beni pubblici e beni comuni 
8g) le rimanenti settimane di novembre saranno dedicate alla proprietà, agli altri diritti reali e ale forme di circolazione della ricchezza 
9h) il mese di dicembre sarà dedicato alle nozioni fondamentali in materia di Diritto di famiglia e delle successioni 
10La strutura della seconda parte del corso sarà pubblicata a gennaio 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Esame orale.

L'esame è superato se si raggiunge la sufficienza (18/30) in ognuna delle parti che costituiscono il programma

L'esame sarà valutato secondo i seguenti criteri (Delibera Consiglio CdS 17 settembre 2018):

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

1. Le fonti del diritto 2) L'autonomia patrimoniale 3) Le limitazioni alla capacità di agire 4) La regola possesso vale titolo 5) Le azioni petitorie 6) I contratti conclusi con il consumatore 7) La responsabilità precontrattuale 8) I vizi del consenso 9) La risoluzione di diritto ...........




Apri in formato Pdf English version