DIRITTO COSTITUZIONALE M - Q

IUS/08 - 12 CFU - Insegnamento annuale

Docente titolare dell'insegnamento

GIANCARLO FERRO
Email: gferro@lex.unict.it
Edificio / Indirizzo: Dipartimento di Giurisprudenza - Via Gallo, 24
Telefono: 095230343
Orario ricevimento: Secondo quanto indicato sul sito web del Dipartimento di Giurisrpudenza (http://www.lex.unict.it/docenti/giancarlo.ferro)


Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione

Il corso si propone di proporre allo studente adeguate conoscenze e capacità critiche di interpretazione e comprensione rivolte alle nozioni fondamentali di teoria generale dello Stato e di diritto costituzionale positivo, con particolare attenzione ai contributi della giurisprudenza costituzionale, agli istituti di garanzia dei diritti ed alle libertà del cittadino, tenendo conto anche dei principi costituzionali "comuni" agli Stati dell'Unione Europea.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

La conoscenza degli istituti è volta soprattutto all’applicazione delle nozioni apprese, stimolando la capacità degli studenti di dominare i problemi e individuare le possibili vie di soluzione. Gli obiettivi formativi saranno condotti mediante lezioni frontali, durante le quali sarà stimolato soprattutto l’interesse degli studenti alla discussione e all’argomentazione su casi e problematiche legati all’attualità istituzionale, con applicazione in concreto delle acquisizioni teoriche e delle conoscenze apprese.


Prerequisiti richiesti

Buona conoscenza della storia italiana ed europea.



Frequenza lezioni

Trisettimanale. Non obbligatoria ma fortemente consigliata.



Contenuti del corso

PROGRAMMA DEL CORSO: Elementi di teoria generale dello Stato. – Le forme di Stato e le forme di governo. – La persona e le formazioni sociali nell’ordinamento costituzionale: diritti di libertà e doveri pubblici. – Il sistema delle fonti normative: nozioni generali, la Costituzione e la sua revisione, le fonti statali, delle autonomie, europpe ed internazionali. – La funzione giurisdizionale. – I principi costituzionali sulla Pubblica Amministrazione. – La giustizia costituzionale. L’organizzazione della Repubblica: il corpo elettorale; Il Parlamento e le funzioni delle Camere; Il Presidente della Repubblica; il Governo; gli organi ausiliari; le Autorità indipendenti; Le Regioni e gli altri enti territoriali; I collegamenti fra lo Stato e gli altri enti territoriali.


PROVA IN ITINERE: Elementi di teoria generale dello Stato. – Le forme di Stato e le forme di governo. – Il sistema delle fonti normative: nozioni generali, la Costituzione e la sua revisione, le fonti statali, delle autonomie, europee ed internazionali. - La persona e le formazioni sociali nell’ordinamento costituzionale: diritti di libertà e doveri pubblici. - Il corpo elettorale.



Testi di riferimento

PARTE GENERALE:
L. ARCIDIACONO - A. CARULLO - E. CASTORINA, Diritto costituzionale, Cedam, Padova, 2013 (escluso da pag. 371 a pag. 412)
ln alternativa, lo studio potrà essere condotto su altro Manuale, da concordare con il docente.


PARTE SPECIALE:
Pur trattandosi di un corso istituzionale, lo studio del Diritto costituzionale deve favorire nello studente, sin dal primo anno di università, l’affinamento di quelle capacità di riflessione critica sugli istituti del diritto che costituiscono il “metodo giuridico”, indispensabile nell’esercizio delle professioni cui si accede con la laurea in Giurisprudenza. A tal fine, fa parte integrante del programma di esame
l’affinamento di alcune problematiche di interesse costituzionalistico, quali sono quelle trattate nei volumi di seguito indicati, tra i quali lo studente potrà scegliere, in alternativa:
A. BARBERA, La Costituzione della Repubblica italiana, Giuffrè, Milano, 2016, limitatamente alle pagine da 9 a 48; da 73 a 93; da 101 a 131; e da 143 a 158.
Oppure
A. CARIOLA, Sull'interpretazione costituzionale e altri saggi, Giappichelli, Torino, 2015.
Oppure
E. CASTORINA, Riflessioni sul processo costituente europeo, Giappichelli, Torino, 2010, limitatamente ai saggi nn. 4, 7, 8, 14 e 15.
Oppure
A. CIANCIO, Persona e “demos”. Studi sull’integrazione politica in Italia e in Europa, Giappichelli, Torino, 2010, limitatamente ai saggi nn. 2, 4, 5, 6, e 12.

Ai fini del superamento dell’esame è inoltre indispensabile la conoscenza della Costituzione e delle norme fondamentali di attuazione di essa. Al riguardo,lo studente potrà utilizzare una tra le seguenti raccolte normative:
- A. CARIOLA - G. A. FERRO, Codice di diritto costituzionale, Aracne, Roma, ult. ed.
Oppure
- M. BASSANI - V. ITALIA - G. BOTTINO - M. DELLA TORRE - A. ZUCCHETTI, Le leggi fondamentali del diritto pubblico e costituzionale, Giuffrè, Milano, ult. ed.

o altra, a sua scelta, con l’accortezza che si tratti dell’ultima edizione.

 

Lo studio del diritto costituzionale deve essere condotto anche attraverso la lettura della più importante giurisprudenza (soprattutto) della Corte costituzionale. A tal fine, saranno organizzate attività seminariali di approfondimento. Un'utile guida alla lettura critica della giurisprudenza di maggior rilievo in materia costituzionale è offerta da:

A. CARIOLA, Il diritto costituzionale e la sua applicazione, Giappichelli, ultima edizione (sentenze a scelta. Numero massimo di pagine: 30).

N.B. Gli studenti ancora in debito con la materia possono aggiornare il programma con effetto immediato.


PROVA IN ITINERE: 6 CFU
Per quanto riguarda i testi, è possibile fare riferimento ai volumi:
PARTE GENERALE:
L. Arcidiacono - A. Carullo - E. Castorina, Diritto Costituzionale, casa ed. Cedam - Padova, 2013, da pag. 3 a pag. 256 (e materiale giurisprudenziale che sarà successivamente indicato).



Altro materiale didattico

Sulla pagina Studium del docente saranno inserite le pronunce giurisprudenziali di maggiore rilievo ai fini della comprensione degli istituti trattati.



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1Ordinamento giuridico 
2Costituzione e costituzionalismo 
3Teorie sull'interpretazione 
4Forme di Stato e di governo 
5Carte e Corti dei diritti 
6Sovranità, Territorio e Popolo 
7Profili di storia costituzionale 
8Fonti del diritto: criteri di individuazione 
9Fonti del diritto: i criteri di risoluzione delle antinomie 
10Le singole fonti del diritto: - Costituzione e leggi costituzionali; le fonti comunitarie e convenzionali; riserva di legge; la legge ordinaria; atti con forza di legge; referendum abrogativo; Statuti e legge regionali. 
11(segue): le fonti secondarie; consuetudine e convenzioni costituzionali 
12La giurisprudenza come fonte del diritto: problematiche e soluzioni 
13La forma di governo italiana: il disegno costituzionale 
14Corpo elettorale e Parlamento 
15Il Governo 
16Il Presidente della Repubblica nella forma di governo parlamentare: il modello costituzionale e la prassi 
17Costituzione e potere giudiziario 
18La Pubblica Amministrazione: profili costituzionali 
19Corte costituzionale e processi costituzionali: organizzazione e funzionamento della Corte; oggetto e parametri; la tipologia delle pronunce; giudizi di legittimità; giudizi sui conflitti; ammissibilità del referendum abrogativo; giustizia penale.  
20Forma di Stato e diritti fondamentali 
21La c.d. Costituzione economica  
22Le Autonomie territoriali 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Orale.


PROVE IN ITINERE

Prova orale sulla relativa parte di programma (indicata infra) corrispondente a 6 crediti formativi, da effettuarsi esclusivamente nelle date appositamente stabilite nella sola sessione invernale.


N.B. Gli studenti degli anni successivi al primo ancora in debito con la materia che scelgono di sostenere la prova in itinere, in caso di esito negativo, non potranno nel corso della stessa sessione sostenere l'esame per intero e viceversa.


PROVE DI FINE CORSO

Prova orale, che gli studenti di primo anno possono sostenere sola a partire dalla sessione estiva di esami. Coloro che hanno già superato la verifica in itinere con esito positivo dovranno sostenere la prova finale solo sulla parte restante del programma indicato infra.


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Lo studente deve dimostrare di conoscere gli istituti oggetto del Corso di diritto costituzionale, anche con riferimento ai più importanti arresti giurisprudenziali.

1 L’esame inizia di regola con una domanda sulle fonti del diritto, in generale con riguardo a una singola fonte: ad esempio: legge costituzionale, riserva di legge, decreto legge, referendum, statuto regionale, regolamenti e direttive europee.

2 L’esame prosegue con un riscontro sulla organizzazione costituzionale e sulla forma di governo: ad esempio, legislazione elettorale, organizzazione delle Camere, immunità parlamentari, formazione del Governo, responsabilità dei Ministri, rapporto fiduciario, ruolo del Capo dello Stato, funzioni del Presidente della Repubblica, responsabilità del Presidente.

3 L’esame affronta, poi, il processo costituzionale: accesso alla Corte, tipologia delle decisioni, efficacia di esse,

4 si conclude con la trattazione di una o più libertà fondamentali: ad es., libertà personale, di associazione, di manifestazione del pensiero.




Apri in formato Pdf English version