IMPRENDITORIALITA' E BUSINESS PLANNING M - Z

SECS-P/08 - 9 CFU - 2° semestre

Docente titolare dell'insegnamento

MARCO ROMANO
Email: romanom@unict.it
Edificio / Indirizzo: Palazzo delle Scienze, Corso Italia 55, 95127 Catania
Telefono: 0957537624
Orario ricevimento: Lunedì e Martedì 9:00-10:00


Obiettivi formativi

1. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): al termine del corso lo studente conoscerà e comprenderà le principali categorie concettuali economico-manageriali, le logiche di base e gli strumenti relativi alle iniziative imprenditoriali.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and under standing): lo studente acquisirà la conoscenza e la capacità di comprensione applicativa inerente la creazione di una nuova impresa; lo sviluppo di un business plan, la definizione della business idea, la formalizzazione del modello di business, l’elaborazione del piano di marketing, la ricerca e la raccolta delle risorse finanziarie, la definizione della struttura organizzativa.
3. Autonomia di giudizio (making judgements): lo studente acquisirà autonomia di giudizio e capacità di collegamento tra gli argomenti teorici e i relativi piani applicativi, con particolare riferimento al processo imprenditoriale e alle variabili critiche che riguardano il tema dell'imprenditorialità, quali il profilo dell'imprenditore, le opportunità imprenditoriali, l'organizzazione dell'azione imprenditoriale e il ruolo del contesto ambientale.
4. Abilità comunicative (comunication skills): lo studente acquisirà abilità comunicative e appropriatezza nell’impiego del linguaggio tecnico relativo alla redazione di un business plan e al processo di avvio di una iniziativa imprenditoriale.
5. Capacità di apprendimento (learning skills): lo studente acquisirà una elevata capacità di apprendimento, in termini teorici e applicativi, in grado di renderlo autonomo nella gestione dell’aggiornamento delle tematiche trattate e nell’inserimento nel mondo del lavoro.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

  1. Lezioni frontali.
  2. Lavori di gruppo.
  3. Casi studio.
  4. Testimonianze.

Prerequisiti richiesti

Nessuno.



Frequenza lezioni

Frequenza tri-settimanale alle lezioni in aula tenute dal docente; partecipazione ad eventuali attività integrative e/o ausiliarie della didattica.

Lezioni frontali, lavori di gruppo, analisi di case studies, analisi di banche dati, visite azindali, testimonianze in aula di imprenditori, manager e rappresentanti istituzionali.
Data la natura degli obiettivi, il “format” del Corso privilegia la discussione e un’attiva partecipazione degli studenti in aula.

Si consiglia di leggere preventivamente i contenuti della lezione in modo da facilitare la comprensione delle principali tematiche e la loro discussione in aula. Il dibattito in aula sarà basato principalmente sul contenuto delle letture (articoli, casi aziendali, capitoli di libri) che lo studente dovrà conoscere; la discussione in classe, inoltre, potrà vertere su impressioni ed esperienze personali dello studente.



Contenuti del corso

Recentemente, e non solo in Italia, l’interesse verso le startup è andato crescendo, grazie alle opportunità offerte dall’evoluzione della tecnologia digitale e molti soggetti hanno cominciato a pensare concretamente alla creazione di una nuova impresa quale percorso di vita individuale e professionale. Sebbene l’imprenditorialità rappresenti un tema centrale nella letteratura economica-aziendale, l’attenzione incalzante sulle startup rischia non solo di diventare un fenomeno trendy e poco sostanzioso dal punto di vista della sostenibilità della nuova azienda, ma anche un falso mito per tanti giovani, che lo interpretano come occasione economica e di visibilità sociale.

Creatività, idee e innovazioni consentono di accendere la lampadina, di creare l’energia utile per dare il via al percorso imprenditoriale; ma questo non è sufficiente e non significa che la startup possa partire e funzionare.

L’energia del fondatore deve produrre informazioni e decisioni sulle caratteristiche della domanda, sui bisogni del mercato, sui competitors, sui processi interni, sull’’evoluzione tecnologica, sulle risorse da reperire, e lo deve fare con il giusto senso del tempo. “timing your startup” dicono gli anglosassoni e il timing è la dimensione fondamentale per la sostenibilità della nuova impresa, variabile competitiva cruciale che implica non solo non essere in ritardo, ma anche non arrivare troppo in anticipo.

La nascita di ogni startup è un processo complesso, incerto, fragile, ma come tutti i fenomeni creativi, estremamente potente. Il titolo del libro di testo “Straight Up” significa vai avanti per la tua strada, in modo veloce, tenace e diretto. Ogni nuovo progetto imprenditoriale ha bisogno di passione, creatività e grande energia e richiede competenza e professionalità per evitare le trappole che conducono alla death valley.

Il percorso di chi crea una startup può essere sinteticamente racchiuso in una singola espressione: Straight Up! Questo è il filo conduttore del corso che intende fornire al futuro imprenditore sia un aiuto concreto sulla strumentazione di bordo che lo orienterà lungo il percorso imprenditoriale, sia il supporto al processo di learning esperienziale in una prospettiva di sostenibilità e performance della startup. Gli argomenti trattati sono organizzati attorno a quattro grandi blocchi concettuali: Who, Why, How, What.

Il primo (Who) e il secondo (Why) sono dedicati all’imprenditore. Le caratteristiche psicologiche, la sua personalità, le motivazioni e ambizioni, le pulsioni che lo agitano, la sua antifragilità, rappresentano il più grande nucleo, in termini di rilevanza, del complicato meccanismo della genesi imprenditoriale.

L’imprenditorialità è fondamentalmente un fatto umano e le caratteristiche personali dell’imprenditore sono i fattori più importanti per il successo della nuova impresa, ancor più importanti dell’idea imprenditoriale stessa o dell’attrattività del mercato. Ma il Who e il Why condizionano anche il terzo (How) e il quarto blocco di analisi (What).

Se un soggetto esprime un forte desiderio di imprenditorialità e un’intenzione potente e resiliente, allora egli manifesterà una percezione di fattibilità positiva e realistica, rendendo possibile la ridefinizione dei vincoli esterni e portando avanti un progetto imprenditoriale di tipo iterativo e sperimentale, alimentato da una logica di learning by doing (How).

La rappresentazione ed il monitoraggio di questo percorso porterà alla redazione del business plan (What), ad una serie di piani snelli e all’individuazione di una batteria di indicatori chiave (KPI). Tutto il processo di creazione della nuova impresa è alimentato e sostenuto dalla fiducia, fiducia che l’imprenditore ripone in sé stesso e che è in grado di attivare negli stakeholder.

Ma la fiducia è anche quella che la collettività ripone nei nuovi progetti attraverso le iniziative di policy a supporto dell’innovazione, che assorbono i rischi connessi con la giovinezza dell’impresa.



Testi di riferimento

  1. SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016.
  2. Materiale didattico integrativo fornito durante il corso disponibile su STUDIUM.

Altro materiale didattico

http://studium.unict.it/dokeos/2016/

https://www.facebook.com/groups/199701456806774/



Programmazione del corso

 ArgomentiRiferimenti testi
1ImprenditorialitàSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
2Business idea SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
3Business idea e modelingSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
4Business Plan & Piano di marketingSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
5Piano di marketing e vendite: l’importanza dei clienti e la loro rilevanza nella nascita di una nuova impresaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
6Analisi di mercatoSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
7Approccio Straight up: Analisi di mercato e dei flussi di cassa per il business planningSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
8Pianificazione economico-finanziariaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
9Profilo del nuovo imprenditore: carattereSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
10Profilo del nuovo imprenditore: carattere ed esperienzaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
11Territori per lo sviluppo imprenditorialeSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
12Fiducia e condivisione nelle startupSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
13Straight up: percorso dall’idea all’impresaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
14Death Valley - fallire non è un drammaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
15Insight imprenditoriale SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
16Spinte motivazionali, bisogni e copioni imprenditorialiSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
17Versatilità del Business PlanSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
18Business Planning: struttura e processi di businessSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
19Misure per finanziare la nuova impresaSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
20Imprenditorialità & Networking SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
21Il processo di valutazione dell’elevator pitch SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
22Piano operativo e del personale  
23Business AngelsSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
24Venture CapitalisSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
25CrowdfundingSCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 
26Il processo di valutazione del Business Plan SCHILLACI C.E., ROMANO M., “Straight up. Percorsi strategici per nuove imprese”, Milano, McGraw-Hill Education, 2016. 


Verifica dell'apprendimento


MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO

Prova d'esame in forma scritta e orale


ESEMPI DI DOMANDE E/O ESERCIZI FREQUENTI

Descrivere gli imprenditori “success proactive”

Illustrare il ruolo dei Business Angel e Venture Capital

Descrivere il processo di costruzione del piano economico-finanziario

Illustrare la dimensione soggettiva dell’imprenditore

Analizzare il ruolo dei FabLab

Commentare l’importanza del timing nell’approccio Straight Up

Descrivere gli elementi identificativi dei territori imprenditoriali

Analizzare il processo per la elaborazione del piano operativo

Commentare l’amletico dubbio dello startupper “segretezza o divulgazione”

Analizzare la Curva di Moore, riportando, ove possibile, l’esperienza maturata partecipando alla “business plan competition”

Descrivere le fonti di finanziamento per la creazione di “Startup innovative”




Apri in formato Pdf English version